1983. Facendo parte di gruppi di lavoro nel campo della sostenibilità ambientale e sociale, mi accorgo che i metodi di consenso interni sono obsoleti, nelle riunioni parlano sempre gli stessi, incomincio a pensare che ci possano essere metodi diversi, più collettivi e democratici per arrivare alle decisioni. Da qui incomincio ad essere attratto dai metodi del “training nonviolento” e dei percorsi della nonviolenza collettiva.

1985-1986. Avvio la mia formazione personale e professionale sui temi delle emozioni, delle relazioni, delle dinamiche conflittuali nei gruppi, presso il Master “Animatore dello sviluppo personale col metodo biosistemico” della Società Italiana di Biosistemica, diretta dal prof Jerome Liss, che diventerà il mio riferimento metodologico e mio mentore per trent’anni.

1990-1994. Inizio e sviluppo per quattro anni una formazione in facilitazione esperta, sotto lo stretta supervisione del prof. Liss. In questi anni acquisisco i metodi della biosistemica, della comunicazione ecologica, della gestione della negatività, dei metodi attivi per la motivazione dei gruppi.
1995. In ottobre di quell’anno, conducendo ottimamente un gruppo alla Fortezza da Basso di Firenze, sui temi della crescita personale, prendo coscienza delle mie capacità pedagogiche. A partire dal quel momento intraprendo la carriera di formatore degli adulti e dei gruppi di lavoro. Inizio la mia attività di facilitatore.

1999. Concludo il percorso di studi universitari, laureandomi come psicologo all’Università Sapienza di Roma.

2000. Da quell’anno completo la mia formazione in formatore seguendo workshop e master professionalizzanti, tra cui Ismo (Milano), Ctc (Bologna), Change (Firenze).

2005. Dopo dieci anni di carriera, in seguito ai saperi raccolti per via diretta col prof. Liss, con le numerose applicazioni svolte nelle organizzazioni, delineo e configuro il metodo della Facilitazione Esperta. Il mio obiettivo è portare la complessità delle discipline (psicologia, sociologia, pedagogia) a sintesi e applicazione: nasce il Face Model. Pubblico il libro “Professione Facilitatore”.

2006-2016. Ai saperi psicosociali ormai consolidati, vado ad affiancare quelli neuroscientifici. Frequento un Master triennale della Scuola di Biosistemica. Incremento gli studi di autori chiave tra cui LeDoux, Damasio, Siegel, Porges, Cozolino, Edelman. Frequento convegni e seminari di studio con i prof. Siegel, prof. Porges e prof. Kabat-Zinn. Si integrano i saperi psicosociali e quelli della neurobiologia interpersonale.

2007. Fondo la Scuola Facilitatori, il mezzo attraverso il quale divulgo i metodi codificati in due direzioni: far crescere le competenze sociali per adulti, cittadini e genitori; formare professionisti e gruppi alla Facilitazione Esperta.

2007-2016. Insegno all’Università di Pisa, presso il Corso in Scienze per la Pace, la Facilitazione Esperta, che diviene un esame della triennale e della magistrale “Strumenti di facilitazione nel conflitto”.

2008. Conduco un’ampia ricerca sulle riunioni nei contesti di lavoro, che mi porta ad assemblare un nuovo metodo, detto della “riunione che serve”, composto da tre fasi (espressiva, regolativa, performativa) e da tre rispettive modalità comunicative evidenziate da ritmo e metrica. Pubblico “La riunione che serve”.

2010. Collaudo in via definitiva la Facilitazione esperta e il Face Model, grazie agli interventi diretti presso aziende, pubbliche amministrazioni, sanità, organi dello Stato, scuole, ordini professionali, enti non profit; facendo convergere contenuti e metodi della formazione, della facilitazione e della consulenza.

2012. Sono anni in cui studio il fenomeno dei comportamenti negativi nei gruppi. Alla provenienza psicologica delle negatività (fattore disposizionale) affianco la neurobiologia (fattore funzionale) e le culture sociali (fattore situazionale). Approdo ad un “metodo antinegatività” complesso ma anche alla portata di tutti. Integro come sempre la mia ricerca con gli strumenti pratici. Pubblico “Il potere della negatività”.

2010-2017. Svariati gli interventi presso Master post-laurea nelle Università di Roma, Siena, Pisa, Firenze, Bologna, Camerino.

2017. Mi affermo come uno dei professionisti più dinamici e innovativi nel panorama delle risorse umane e della formazione attiva, all’interno sia di piccole e medie imprese, che di amministrazioni pubbliche, di enti e organizzazioni.

2017-18. La Facilitazione Esperta, la Riunione che serve, il Metodo antinegatività, il Corpo esperto insieme a tutte le tecniche sviluppate in più di venti anni di carriera, con un capitolo approfondito sulle “basi per moltiplicare le intelligenze” aprono una nuova fase di ricerca e di applicazione, la fase dell’unire. Pubblico “L’intelligenza di unire”.